La Scala Illuminata


Vai ai contenuti

Lavorazione


Il lavoro è organizzato in fasi, per cui tanti fogli di carta quanti i ' coppi' che serviranno complessivamente al disegno, vengono prima incollati in modo da formare un cilindro cavo, poi colorati in verde e rosso i necessari, e lasciati in carta quelli bianchi.

Dopo aver chiuso il foglio cilindrico ad un estremità, per dargli stabilità, viene appesantito con della sabbia e ridefinito alla base perché stia dritto una volta poggiato a terra; lo stesso procedimento per tutti gli altri.

La scala verrà interamente segnata gradino per gradino, in modo che ogni segno (traccio) corrisponda a un quadretto del foglio dove è colorato il disegno.

Infine la notte del 23 luglio è il momento più importante e delicato: Mario Russo, il capomastro, si occupa della 'stesura' del disegno e quindi ' detterà' ai suoi collaboratori dove ogni 'coppo' deve essere rigorosamente posizionato, mentre il resto della famiglia si occuperà di posizionare le lucerne di terracotta, dette 'lumere', al centro della base del
'coppo', dotandole dello stoppino in cotone per l' accensione.

Gli ultimi passaggi per la famiglia saranno quelli di distribuire l' olio d' oliva per ogni lucerna un paio d' ora prima l' accensione, cambiare l' intera disposizione dei 'coppi' e gli stoppini durante la notte del 24 luglio per il nuovo disegno.

Lo stesso lavoro viene ripetuto il 13 agosto notte per la festa del 14 e 15 che diversamente a quella di luglio ha un solo disegno per entrambe le sere.

Home Page | La Scala | Storia | Lavorazione | Accensione | Foto e Video | Chi Siamo | Contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu